betty page

Scrive Pino Donghi

Fedele – non so quanto consapevolmente – ad una famosa osservazione di Roland Barthes, quella per cui “quando i corpi sono nudi gli sguardi sono vestiti”, l’autrice ricopre il testo, cambiando continuamente i panni del suo discorso, un po’ come Bettie Page, musa ispiratrice di Dita von Teese, che  rivestiva la nudità con la forza sfrontata e birichina del suo humor. (Dalla recensione pubblicata sul Sole 24 ore il 24 gennaio 2016)

Lascia un commento

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...